Stampa

Esche Alternative

 

Pastella: per preparare quest'esca si ha bisogno del pane duro privarlo della buccia bagnarlo e poi impastarlo fino a renderlo abbastanza compatto per farlo mantenere sull'amo;si può aggiungere come aroma del formaggio, pasta di acciughe, succo di gambero ed anche aglio. Si catturano soprattutto i cefali ma,pasturando abbondantemente,si possono insidiare anche saraghi,occhiate,salpe,boghe,menole e zerri. Per chi non volesse perdere del tempo a preparare questo impasto in commercio abbiamo diverse pastelle già pronte per soddisfare qualsiasi pescatore.

Gamberetto vivo: reperibile direttamente presso i luoghi di pesca è un esca usata soprattutto per tentare la spigola nella tecnica della bolognese,ma non viene disdegnata nemmeno da orate saraghi e mormore.Nei periodi estivi e durante le ore più calde della giornata è consigliabile conservare queste esche in un recipiente con relativo ossigenatore.



Pulce di mare: denominata "malota" (in dialetto leccese) era un'esca molto usata circa quindici anni fa dai pescatori di canna fissa sulle scogliere del salento ma anche oggi è richiesta soprattutto nel periodo estivo (reperibile solo in alcuni negozi) per la cattura di molte specie ittiche,anche se l'avvento del bigattino ne ha limitato largamente l'uso;eppure si ottenevano carnieri eccellenti visto che poteva essere usata sia come esca sia come pastura.

Pane francese: Esca molto diffusa per la pesca al cefalo ma valida anche per occhiate salpe saraghi ed orate;è un semplice pane a treccia che in caso di necessità può essere conservato a lungo.Di solito le istruzioni per la sua preparazione si trovano sul retro della confezione.



Erba: quell'erba filamentosa di colore verde acceso che vediamo sotto i nostri piedi qundo siamo in riva al mare non tutti sanno che è un esca micidiale per insidiare grosse salpe e saraghi pizzuti giganti;basta inserirla sull'amo facendola passare più e più volte,la si lancia in acqua e si aspetta che faccia il suo dovere.



Gamberetti: reperibili in pescheria e dal costo contenuto questa è un'esca universale che può essere usata in molteplici tecniche di pesca;canna fissa,inglese,bolognese,bolentino e per l'innesco dei palamiti. Per rendere i gamberetti più compatti conviene pulirli prima, tagliarli in piccoli pezzi passarli nel sale e congelarli.

Granchio: esca molto selettiva gradita soprattutto alle orate,ma anche ai saraghi;si usa innescandola viva con un amo adeguato e rigorosamente d'acciaio che andrà inserito posteriormente attraverso il carapace facendolo passare tra una zampa e l'altra,l'unico inconveniente di quest'esca è che non regge i lanci violenti.

Cannolicchio: ottima alternativa a vermi e anellidi vari il cannolicchio è un'esca dal colore bianco e dal forte odore che viene utilizzato soprattutto durante le mareggiate per saraghi orate e mormore e viene innescato come un verme con l'apposito ago.

Cozze: validissima alternativa e soprattutto economica,quest'esca è usata,se innescata col guscio,per tentare le grosse orate,ma può essere usata anche sgusciata per molte altre specie di pesci(saraghi in primis) e anche come pastura ha forte potere attrattivo.

Sardina: Secondo molti insieme al gamberetto e al pane è l'esca più usata nell'ambito della pesca sportiva perchè con la sardina si possono effettuare molti tipi di pesca ed è gradita a tutte le specie ittiche presenti in mare:intanto viene usata per preparare la pastura,sia dalla barca che dalla riva,poi può essere innescata intera o per metà(testa e interiora escluse)e avvolta a del filo elastico per compattarla meglio,a tocchetti sia per la pesca a fondo che per il galleggiante,sia con la canna a mulinello che fissa ed anche per innescare gli ami dei palamiti,quindi un'esca universale.

Promozioni

L'Angolo delle offerte
                                         ... Leggi tutto...

Eventi/News

Notizie
22 Aprile 2017 Si avvisa la gentile clientela che il metà... Leggi tutto...