Stampa

Alla ricerca della spigola

 

La spigola è un predatore ricercatissimo dalla maggior parte dei pescatori sportivi e lo si insidia con diverse tecniche durante tutto l'arco dell'anno.La si trova ovunque:nei porti,sulle scogliere,in acque basse,in prossimità delle foci ecc.Per insidiarla in questo caldo periodo di inizio estate la tecnica principale è senza ombra di dubbio la bolognese utilizzando montature leggerissime e fili extra sottili.Come canna una bolognese da 5 o 6 metri può fare al caso nostro abbinata ad un piccolo mulinello del 1000(anche se molti appassionati pescatori di bolognese preferiscono usare mulinelli ancora più piccoli)imbobinato con del filo dello 0,14(c'è chi usa nel mulinello anche uno 0,12);un galleggiante che deve avere un peso compreso trà 0,50 e 1,50 grammi,questo perchè pescare la spigola a bolognese impone una montatura leggerissima in quanto molti esperti e garisti da prove fatte ed esperienze dirette insegnano che,quanto più leggera è la montatura,più ci si guadagna in termini di abboccate;la piombatura verrà effettuata inserendo pallini spaccati dello 0,10,più stretta all'inizio e più larga verso la fine della distribuzione stessa in modo di far poggiare dopo il lancio progressivamente prima il galleggiante poi la spallinata sino a giungere all'amo con l'eventuale esca.Come terminale abbiamo bisogno di uno svolazzo che di giorno e in condizione di acqua limpida raggiunga i due metri e abbia un diametro dello 0,08,altrimenti di notte o in condizioni di mare velato uno 0,10 o 0,12 in fluorocarbon andrà benissimo.L'esca da usare è senza dubbio il bigattino,innescato su ami che andranno da un 18 sino ad un 22,se invece pasturiamo a bigattino e peschiamo con il gamberetto vivo va da sè che dobbiamo usare un amo un pò più grosso tipo un 12 o 14.Un altro sistema di pasturazione ci è dato dall'utilizzo del pellet di sarda che possiamo mischiare al bigattino già dalla sera prima in modo tale che la nostra esca assuma l'aroma della sarda e contribuisca ancor di più con il suo potere attirante quando,giunti sul luogo di pesca,verrà lanciata in acqua tramite la fionda.Altra esca che rende abbastanza è il coreano innescato intero su di un amo adeguato,che può indurre gli esemplari più grossi ad abboccare,sempre tenendo presente la presenza di minutaglia che disturberebbe l'azione di pesca.Per finire vorrei bacchettare coloro i quali portano a casa esemplari di spigola al di sotto del mezzo chilogrammo di peso:la spigola per la sua conformazione è dotata tra l'altro di una grossa testa quindi se trattenete un esemplare da 200 o 300 grammi avrete poco da assaggiare;il mare e la pesca è una lotta e una sfida continua,miriamo al pesce di taglia e rilasciamo quando è possibile gli esemplari più piccoli.

Due stupendi esemplari di Spigola pescati dagli amici Donato e Mario.

Spot più gettonati per la spigola Torre Vado Torre S.Giovanni Torre Pali Santa Maria di Leuca Castro Otranto.

Promozioni

L'Angolo delle offerte
                                         ... Leggi tutto...

Eventi/News

Notizie
22 Aprile 2017 Si avvisa la gentile clientela che il metà... Leggi tutto...